Anticipo TFR per spese mediche dentistiche: si può richiedere?

tfr spese mediche

Tfr= trattamento di fine lavoro, non tutti lo sanno ma è possibile richiedere un anticipo sul tfr in casi necessari ed anche per le spese mediche dentistiche di un certo tipo.

Quando si è un lavoratore dipendente con regolare contratto, il nostro datore di lavoro versa ogni mese una piccola somma nel tfr o anche conosciuto sotto il nome di liquidazione. La liquidazione viene poi fornita al dipendente nel momento in cui cessa la prestazione lavorativa quindi in caso di scadenza di contratto o di licenziamento. Ogni lavoratore dipendente ne ha diritto ed è un suo obbligo conoscere la possibilità di poter richiedere un anticipo su tale somma di denaro pari al 70% del valore che si è maturato al momento della richiesta.

L’anticipo su tfr è infatti un passaggio che non tutti conoscono ma è perfettamente richiedibile da chiunque. Questo anticipo sulla liquidazione può essere richiesto per svariati motivi tra questi anche le spese mediche dentistiche o per lo meno alcune di questa categoria.

In primis c’è da sapere che l’importo richiedibile è del 70% del totale fino ad allora maturato, questa percentuale di denaro vi verrà data e mai più ricalcolata. Di fatti poi quando andrete a prendere la vostra liquidazione finale sarà molto ridotta rispetto al totale reale che vi spetterebbe, perché questa quota l’avete già presa in anticipo.

Un fattore molto importante da considerare è che nonostante siate dipendenti non è detto che il vostro datore di lavoro accetti la richiesta di anticipo del tfr. Infatti il datore di lavoro può accettare solo un numero limitato di richieste di anticipo sulla liquidazione da parte dei suoi dipendenti e a stabilirlo non è lui ma la legge. In caso perciò ci siano più richieste si andrà a valorizzare la più urgente e gravosa, anche in campo medico. Si valuterà di accogliere la domanda del dipendente con più urgenza e necessità di ottenere la risorsa economica.

Altro fattore da considerare è che non tutte le spese mediche sono coperte, se bene infatti la legge parla chiaro e dice che tutti possono richiedere un anticipo sul proprio tfr sono ammesse solamente spese mediche straordinarie e necessarie. A stabilire che sia una spesa medica necessaria e straordinaria ci pensano le strutture pubbliche che su vostra richiesta vi rilasceranno tutta la documentazione necessaria su carta intestata e con timbro. Questo non vuol dire che poi sarete costretti a rivolgervi ad una struttura pubblica o a presentare un preventivo delle spese, infatti una volta che avrete ottenuto il vostro anticipo sarete liberi di recarvi da chiunque vogliate per eseguire l’intervento medico necessario e quindi se volete potete recarvi anche da un privato.

Per quanto riguarda le spese mediche e perciò anche quelle dentistiche lo stato è molto più flessibile, consente infatti di poter richiedere un rimborso anche su spese già sostenute sia per se stessi che per i propri cari ( persone della famiglia a carico). Trattandosi poi di spese mediche è possibile richiedere un anticipo sul tfr più di una volta, attenzione però alla tassazione che è molto alta rispetto alla tassazione classica.

Nelle altre ipotesi come ad esempio l’acquisto di una casa è prevista la richiesta un’unica volta, senza poi poter richiedere un nuovo anticipo. La tassazione invece equivale alla stessa in ogni ambito.

Se bene infatti sia possibile richiedere questi soldi in anticipo non esenti dalla tassazione delle tasse e quindi potrebbe non valerne la pena richiederli. Prima perciò di fare la vostra richiesta vagliate bene le vostre opzione e fate i conti necessari per capire quanto effettivamente vi verrà a costare quest’anticipo sulla liquidazione.