Dal minimalismo al massimalismo: le nuove tendenze dell’arredo

C’è chi arreda casa con quel trova e chi, invece, è attento al mutare delle tendenze.

Se fate parte di questo secondo gruppo, allora non potete perdere questo articolo in cui vedremo quali sono state le tendenze dell’arredamento per il 2021 e quali caratterizzeranno il 2022.

L’arte di arredare gli spazi non è per tutti, si sa. Tuttavia, ci sono persone che hanno innato il dono del buon gusto e del saper accostare mobili e oggetti di design in casa.

D’altronde è proprio questo che rende uniche le dimore: l’arredamento. E non è un caso se in un paese che vive di arte, come l’Italia, quella dell’interior designer è una professione sempre più ricercata.

Se siete attenti all’arredamento, l’ambizione massima è una sola: trovare mobili e oggetti che, coesistendo all’interno dei vostri spazi, riescano a comunicare la vostra personalità senza bisogno di parole.

Per questo può esservi utile accedere ai tanti consigli sui migliori oggetti di design per la casa, per poter unire i vostri gusti personali alle tendenze del momento e rendere la vostra casa unica e inimitabile.

Arredo 2021: minimalismo, industrial e sostenibilità

Iniziando dai colori, il 2021 è stato caratterizzato da blu scuri e dal color oro. I legni chiari hanno assunto un ruolo di primo piano, non solo per il tono del colore, ma anche per il materiale, re indiscusso dell’arredo 2021.

Pavimenti, pareti, soffitti e oggetti sono stati tutti concepiti per sorridere all’arte scandinava che vede nel minimalismo la massima espressione di eleganza.

Il legno chiaro ha aiutato nel comunicare un contatto nuovo con la natura e un sempre maggiore avvicinamento alle tematiche dell’ecosostenibilità.

Il mix legno, vetro e pietra è stato un must del 2021 che ha espresso e rafforzato un concetto chiave, quello del ritorno agli elementi naturali, più o meno presente nelle tante tendenze d’arredo del 2021.

Funzionalità e semplicità sono state le parole chiave. Decorare con poco e preferire in ogni caso uno stile essenziale, evitando il superfluo e oggetti inutilmente ingombranti.

Far entrare il minimalismo nelle nostre case, pare le abbia rese d’un tratto più pulite e ordinate. E ci siamo riscoperti amanti delle piccole cose.

Oltre al legno e al suo accostamento con pietra e vetro, il 2021 è stato anche l’anno del metallo.

Non più di esclusiva prerogativa di cucina e bagno, il metallo è stato molto sfruttato dagli interior designer durante tutto lo scorso anno.

Bronzo, rame e ottone hanno unito praticità e modernità e si sono affermati come ottimi elementi decorativi.

Lo stile industriale ha fatto entrare nelle case degli italiani il black metal, in ambienti in cui prima non era concepito.

Inoltre, l’arredamento 2021 ha puntato al rispetto ambientale, riducendo la plastica e preferendo materiali innovativi ed ecosostenibili. Quindi non solo praticità e modernità ma anche tutela per l’ambiente.

Arredare casa nel 2022

Se l’arredo 2021 ha puntato su semplicità e arte minimal, il 2022 inizia sfoggiando creatività ed eccentricità.

Il minimalismo lascia infatti la strada a numerosi nuovi stili di arredo come il boho chic che ricerca il non convenzionale dello stile francese bohémien.

2021 e 2022 hanno in comune alcuni punti importanti, il primo fra tutti è il contatto con la natura che resta.

Quindi via libera alle piante per arredare qualsiasi ambiente di casa, dalla cucina allo studio, dal soggiorno fino al bagno.

Anche nella scelta dei materiali c’è coerenza tra i due periodi, si continua nella direzione di un contatto sempre vicino con il nostro “essere primitivo”, puntando su legno, vetro e metallo.

La tutela dell’ambiente resta centrale e viene da dire che sarà sempre più protagonista delle scelte di arredo future. A conferma di ciò arrivano le prime anticipazioni sul salone del mobile 2022 che presenterà un progetto dedicato proprio alla sostenibilità a cura dell’Architetto Cucinella.

Non solo, la pandemia e l’aver vissuto così intensamente gli spazi domestici ha dato impulso nel ricercare il massimo comfort nella scelta di mobili e oggetti per la casa.

Ottimizzare la produttività e massimizzare la concentrazione sono diventati temi centrali con case sempre più attente al work space.

Spazio al massimalismo

La ricerca di comfort spinge verso la morbidezza nelle forme e nei tessuti. Tornano quindi oggetti che non passano inosservati, come le mensole di design e i tessuti trapuntati e vellutati.

In una parola: massimalismo. Liberare creatività e fantasia, osare, optare per accostamenti improbabili. In questa direzione, le stampe animalier irrompono nelle case degli italiani.

I colori chiari hanno lasciato lo spazio a tinte vivaci che puntano a sorprendere chi le guarda. C’è molta vicinanza alla cultura pop, per questo non si ha timore di mescolare stili diversi e di sbizzarrirsi con contrarsi evidenti e dettagli colorati.

L’obiettivo è attirare l’attenzione, quindi ben vengano gli oggetti ingombranti e i mix di colori. Non solo oro e blu, ma anche giallo ocra, magenta e rosso. Importante menzione speciale per il verde oliva che spicca, ma si allinea molto bene ai materiali e ai tessuti naturali che caratterizzano l’arredo 2022.