Il ruolo dei robot collaborativi nell’industria 4.0

Qual è il ruolo dei robot collaborativi nell’industria 4.0? Per capire i vantaggi di questi nuovi robot è utile rispondere a questa domanda.

Viviamo in un’era sempre più smart e improntata sull’IoT. Per questo motivo parlare oggi di cobot e di rivoluzione industriale smart è la chiave di volta per interpretare il futuro del settore in Italia.

I cobot, sviluppati oggi da aziende come Homberger Robotica che da anni lavorano sui robot collaborativi, sono sì il futuro ma in molte realtà industriali sono già presenti. Sono proprio queste realtà che testimoniano quelli che sono i vantaggi della robotica collaborativa e che fanno capire che nei prossimi anni l’implementazione di questi nuovi strumenti sarà sempre maggiore.

Cosa sono i robot collaborativi: caratteristiche

Prima di entrare nel dettaglio, però, è utile inquadrare i cosiddetti cobot. Già il nome ci dice tanto su questi nuovi strumenti che, man mano, stanno sostituendo i robot tradizionali.

A tal proposito è utile capire la differenza tra robot collaborativi e robot tradizionali poiché in questo modo è possibile capire anche quali sono i vantaggi dei primi.

I robot industriali tradizionali sono macchine pesanti e che non possono condividere lo spazio di lavoro con gli operatori umani. Necessitano, quindi, di postazioni fisse e di barriere protettive poiché potrebbero rivelarsi poco sicuri.

Il robot collaborativo, invece, è in grado di interagire e di collaborare con l’operatore di produzione nello stesso spazio di lavoro. Per questo motivo i cobot vengono indicati come strumenti dell’industria 4.0. In questo modo si ha un risparmio in termini di tempo e di spazi e soprattutto si riesce a integrare perfettamente il robot collaborativo in una routine veloce e ben definita.

Ma attenzione, perché i cobot non interagiscono solo con l’uomo. Questi ultimi sono, infatti, programmati per lavorare assieme ad altri dispositivi così da rivelarsi utili in diverse situazioni e, soprattutto, in qualsiasi tipologia di fabbrica. Un vero plus che è impossibile sottovalutare e che spesso viene posto al centro di tutta la discussione su questo tipo di tecnologia.

Segnaliamo anche che si tratta di strumenti semplici da utilizzare, con interfacce molto intuitive e in grado di raccogliere e trasmettere dati. Anche questa caratteristica rende lo strumento in analisi molto potente.

I vantaggi dei cobot e la loro importanza nell’industria italiana

 

Tra i vantaggi dei cobot c’è la maggiore produttività. Si tratta, infatti, di strumenti in grado di aumentare l’efficienza dei processi andando così a massimizzare la produttività. Proprio per questo motivo oggi come oggi risulta molto difficile non pensare a un progressivo aumento della presenza dei robot collaborativi nelle aziende italiane.

Il mercato dei cobot sarà in continua evoluzione ed è necessario sottolineare che la presenza di questi macchinari interesserà vari settori.

Molto utile capire in quali attività vengono utilizzati i cobot. Nella maggior parte dei casi le aziende italiane li utilizzano per sollevare i dipendenti da incarichi sfidanti o da lavori ripetitivi come, ad esempio, assemblaggio, pallettizzazione, lavori di giunzione e così via.

La robotica è, inoltre, molto sfruttata nella logistica e nei magazzini. Anche in questo caso i robot collaborativi possono fare il loro lavoro in maniera egregia.

Ricordiamo che il principale vantaggio dei robot collaborativi è quello di lavorare insieme agli uomini, nel medesimo spazio di lavoro e in tutta sicurezza. Non si necessita di grandi spazi, di barriere protettive e di ambienti separati.

Quello che piace alle aziende è la possibilità di programmare e riprogrammare i cobot con estrema facilità, trattandosi di strumenti noti per il loro essere flessibili. In questo modo si può avere sempre il tool giusto al momento giusto, così da riuscire a ottenere il massimo vantaggio possibile.

Possiamo dire che anche la collaborazione uomo macchina ha convinto tante aziende ad abbracciare la novità e di certo sarà così anche nei prossimi anni.

Sono soprattutto le aziende manifatturiere del nostro Paese che dichiarano di voler investire in cobot nei prossimi mesi o anni. Implementazione che, come detto, andrà a massimizzare i processi produttivi, apportando una serie di vantaggi in un periodo come quello attuale.

Aumentare i ritmi produttivi significa, infatti, riuscire a fare fronte alle esigenze delle aziende e, soprattutto, a quelle dei consumatori.

Per questo motivo piccole e medie imprese sono pronte a fare il grande pasto, così da apportare sostanziali miglioramenti alla catena produttiva.