La sedazione cosciente: mai più paura del dentista

Il dentista è tra i medici più temuti di sempre nonostante al giorno d’oggi i trattamenti e gli interventi siano mini-invasivi. La paura del dentista è una vera e propria patologia nota come odontofobia e stando ai dati pubblicati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ne soffre circa il 20% della popolazione. La soluzione? La sedazione cosciente. Come sostiene uno dei massimi esperti in Italia di questa tecnica, il Dott. Renda sul suo sito https://www.studiorenda.it/sedazione-cosciente-odontoiatria, grazie a questa tecnica anestesiologica indolore, non ci sono più scuse per evitare l’appuntamento con il dentista ed anzi farlo comporta rischi drastici per la propria salute. Prendersi cura dei denti e della bocca vuol dire evitare non soltanto problemi dentali ma anche altre patologie come cefalee, mal di stomaco, problemi nella postura e persino problemi cardiaci. Secondo una recente ricerca scientifica chi soffre di problemi dentali, gengivali e parodontali ha una doppia probabilità di soffrire di problemi cardiaci rispetto ad una persona che ha bocca e denti in salute.

Se sei un paziente ansioso rivolgiti ad uno studio dentistico specializzato in sedazione cosciente e non avrai nulla da temere.

Sedazione cosciente: cos’è e come funziona?

La sedazione cosciente è un’innovativa tipologia di anestesia molto utilizzata anche in campo odontoiatrico. Grazie ad essa il paziente si rilassa in pochissimi minuti e non prova ansia nè dolore durante le cure ed i trattamenti. La sedazione è detta cosciente in quanto il paziente è sedato ma resta vigile. E’ dunque in grado di respirare autonomamente, rispondere alle domande del dentista o eseguire i suoi ordini come aprire o chiudere la bocca. Attualmente la sedazione cosciente può essere indotta per via inalatoria, endovenosa ed orale. Nel primo caso viene utilizzato un gas anestetico a base di protossido di azoto ed ossigeno che viene inalato dal paziente mediante una comoda mascherina. Se endovenosa invece viene praticata un’iniezione nel braccio per la somministrazione di benzodiazepine. Ricordiamo che la sedazione cosciente richiede sempre la presenza in sala di un anestesista esperto.

Esistono controindicazioni o rischi?

La sedazione cosciente non presenta particolari controindicazioni o rischi per la salute. La miscela di protossido d’azoto ed ossigeno non è affatto nociva per la salute e viene eliminato in modo autonomo dal paziente mediante la semplice respirazione nel giro di 2-3 minuti. Questa è la tipologia più indicata anche dai dentisti per bambini e le persone che hanno la fobia degli aghi. Consente inoltre di riprendere immediatamente le proprie attività. Con la sedazione cosciente mediante somministrazione di benzodiazepine è invece preferibile non mettersi subito alla guida ma attendere almeno 2-3 ore. Per le donne in gravidanza, pazienti con particolari intolleranze o allergie ai farmaci utilizzati o con patologie a carico della membrana del timpano è necessario il parere del medico curante. La sedazione cosciente solitamente non ha effetti indesiderati. Soltanto in rari casi alcuni pazienti hanno riscontrato post sedazione:

  • senso di spossatezza
  • formicolio nelle braccia, gambe, mani e piedi;
  • mal di testa;
  • abbassamento della pressione sanguigna;
  • brevi amnesie

Quando è possibile richiedere la sedazione cosciente

La sedazione cosciente puoi richiederla per qualsiasi tipo di trattamento/intervento odontoiatrico anche per una semplice seduta di igiene dentale. La comunità medica consiglia di utilizzare la sedazione cosciente per via inalatoria per gli interventi più brevi e meno invasivi e quella per via endovenosa per le operazioni più complesse e che richiedono tempi di esecuzione più lunghi.

Consigli utili

Affinchè la sedazione cosciente sia realmente sicura ti consigliamo di scegliere ed affidarti soltanto ad operatori esperti. Uno studio dentistico professionale ed affidabile che pratica questa tipologia di anestesia segue questi passaggi:

  • raccolta di informazioni in merito alle condizioni di salute generale del paziente comprese eventuali intolleranze ed allergie ai farmaci;
  • valutazione del paziente prima dell’intervento;
  • sottopone e fa firmare al paziente il Consenso Informato per la sedazione cosciente in odontoiatria. Documento che contiene tutte le informazioni in merito alla tecnica tra cui possibili ma rari effetti collaterali e controindicazioni;
  • rispetto dei protocolli di igiene e pulizia degli ambienti nei quali è praticata la sedazione cosciente ed i trattamenti/interventi;
  • esecuzione della tecnica in condizioni di sicurezza;
  • a fine trattamento/intervento prima di congedare il paziente il personale medico si accerta che l’effetto della sedazione sia terminato e che il paziente non riscontri alcun tipo di problema.