Perdita dei capelli: cause e soluzioni

 Quando si parla di perdita dei capelli non si può che esordire dicendo che si tratta di un evento traumatico che, in molti casi, porta a vivere male la propria quotidianità.

Attenzione, c’è da sottolineare che c’è una caduta di capelli che, entro un certo limite, può essere considerata fisiologica. In linea di massima, si parla di circa 100 capelli al giorno e il tutto rientra nel naturale processo di ricambio.

Quando ci si deve iniziare a preoccupare? Quando la perdita si fa molto più cospicua, frequente e il volume della capigliatura inizia a diminuire anche in maniera drastica nei casi più gravi.

Quali sono le cause della caduta dei capelli? 

Ci risponde Stefano Rogora, esperto di trapianto di capelli, e fondatore del noto blog italiano blogcalvizie.

 Una cosa deve essere chiara: i problemi di caduta di capelli non hanno una sola causa ed è per questo che bisogna avere un quadro completo della situazione di ogni singolo individuo che ne soffre, così da riuscire a trovare anche le soluzioni migliori.

La prima cosa da capire, quindi, è se si tratta di una caduta fisiologica o meno. Come si può arrivare a dedurlo? Tramite uno specifico esame, che si chiama tricogramma. Se la caduta è proporzionale alla chioma, in linea di massima, non ci si deve preoccupare, ma nel caso in cui questa inizi a essere troppo cospicua, dovrebbe sempre scattare un campanello di allarme. È in quest’ultimo caso che si consiglia di procedere con i controlli di cui sopra. Questi permettono di andare a capire se la cute abbia qualche anomalia. Si annoverano tra queste seborrea e forfora, che potrebbero favorire la caduta. C’è da sottolineare anche che, nel corso dell’anno, ci sono dei periodi in cui i capelli cadono in maniera più cospicua rispetto agli altri mesi.

Venendo al dunque, quali sono le cause della caduta dei capelli? Come detto, non ce n’è solo una e non per tutti si tratta della stessa. Possiamo, però, dire che ci sono delle cause genetiche, ma anche delle cause psicologiche. Di solito sono degli sbilanciamenti ormonali che portano alla caduta, ma non è raro che lo stress influisca in maniera molto negativa sulla vita della capigliatura. Si tende, infatti, a parlare di una relazione tra stress e caduta dei capelli dato che, anche se non esistono delle prove scientifiche in tal senso, è stato notato che in molti soggetti presi in considerazione in alcune indagini la correlazione sembra esserci. In questo caso si parla di alopecia psicogena e si tratta di un disturbo provocato da tensioni nervose. Questa non è la sola tipologia di alopecia. Esiste, infatti,  l’alopecia da tricotillomania, anch’essa annoverabile tra i disturbi del comportamento.

Fino a qualche anno fa, c’è da sottolinearlo, la perdita dei capelli era ancora più traumatica e questo perché chi ne soffriva aveva davanti a sé poche, pochissime soluzioni. Per fortuna oggi lo scenario è cambiato: ci sono moltissime soluzioni per la caduta dei capelli ed è per questo motivo che si deve sempre cercare quella migliore in base alle proprie esigenze.